migliorare un seno poco attraente

Modi per migliorare un seno poco attraente

Ogni volta che ci si guarda allo specchio si vive un momento di contatto estremo con la parte più esterna di se stessi; ci si osserva e questo genera reazioni e sentimenti contrastanti.

C’è infatti chi è soddisfatto di quello che vede e si sorride, c’è poi chi non riesce a smettere di guardare un unico difetto ed imperfezione, perdendosi il piacere di apprezzare le parti più belle del proprio aspetto. Questo piccolo difetto possono essere dei denti non perfettamente dritti, dei fianchi un po’ sporgenti, delle mani troppo grosse e sproporzionate oppure un seno poco attraente, perché troppo piccolo o poco tonico per esempio. Quello che non bisogna mai dimenticare è che c’è sempre una soluzione, più o meno facile da realizzare, ma c’è sempre.

Come rendere il proprio seno più attraente

I primi accorgimenti da adottare mentre si mette in pratica la soluzione prescelta per migliorare un seno poco attraente sono sicuramente quelli di mantenere una posizione corretta, tenere le spalle e la schiena dritte ed evitare di ingobbirsi e poi usare un reggiseno che valorizzi le proprie forme senza comunque esagerare, che faccia sentire a proprio agio insomma.

Poi è buona abitudine svolgere dei semplici esercizi, anche a casa, per rafforzare il petto, la schiena e le braccia con movimenti ripetuti e mirati; per ottenere dei risultati soddisfacenti non basta farli per due settimane, ma bisogna continuare. Inoltre, un altro aspetto importantissimo è l’uso di creme per curare la pelle ed evitarne l’invecchiamento eccessivo, così da dare vigore anche al seno; è utilissima anche l’applicazione costante di impacchi casalinghi, come quello ottenuto dall’infuso di timo, rosmarino e serpolino, oppure i massaggi fatti con l’ausilio dell’olio di mandorle o quello di Argan. Non ti resta che scegliere quale tipo di rimedio fa per te ed iniziare ad usarlo.

Capelluto irritato

Posso usare il Minoxidil sul cuoio capelluto irritato?

Quando ci accingiamo ad intraprendere una cura per un determinato disturbo, il primo passo da fare è sicuramente assicurarsi che il rimedio scelto contenga gli ingredienti che fanno per noi e che non abbiano effetti indesiderati e controindicazioni. Solo quando ne siamo certi, allora dobbiamo capire come assumere una determinata sostanza o prodotto; questo dubbio molto lecito, può colpire quando il prodotto in questione è Minoxidil.

Infatti lo si può assumere per via orale per combattere l’ipertensione, ma ha anche effetti positivi sulla ricrescita dei capelli in soggetti affetti da calvizie se ne viene fatto un uso specifico. Gli studi hanno portato a definirne, a tale scopo, un uso prettamente topico, come si può vedere in prodotti come Provillus, miracoloso aiutante per fermare la caduta dei capelli. Prima di tutto quindi, bisogna capire se il cuoio capelluto è irritato e dolorante per la perdita di capelli ed in tal caso usare questo rimedio molto efficace per contrastarla e ridarle equilibrio.

Come mai il cuoio capelluto è irritato

Per identificare meglio il caso specifico in cui ci si trova, bisogna cercare di capire come mai il cuoio capelluto è irritato e come questa infiammazione si manifesta. Bisogna fare attenzione alle reazioni che sta avendo la nostra cute, se brucia, se semplicemente pizzica o prude in maniera eccessiva; e poi, cercare di capire se questo avviene al tatto oppure per fattori esterni come l’eccessivo caldo o freddo, oppure ancora quando si usano dei prodotti poco adatti.

Le cause possono essere molteplici, da una dieta poco equilibrata, ad uno squilibrio nella produzione di sebo, da allergie alimentari a sbalzi ormonali. Insomma, bisogna stare attenti e cercare di capire bene di cosa si tratta, senza tralasciare il fatto che spesso è solo una sensazione di irritazione che porta a grattarsi e poi alla perdita di capelli; in questo caso bisogna intervenire il più velocemente possibile con l’applicazione di Provillus.

Uso del Minoxidil su un cuoio capelluto irritato

Provillus è composto sia da un trattamento per via orale sia da uno, complementare, composto da un liquido per uso topico che contiene Minoxidil, che è un’ottima soluzione per arrestare la perdita dei capelli e favorire la successiva crescita degli stessi. Infatti, è come se questa sostanza inviasse ai follicoli chiusi ed indeboliti dei messaggi riguardo alla necessità per questi di allargarsi e stimola così il normale processo di crescita dei capelli.

Non solo è quindi necessario applicare questa formula di Provillus per qualche mese prima di raggiungere l’obiettivo finale, ma è anche indispensabile affiancare questa cura esterna all’assunzione delle pastiglie Provillus ricche di sostanze come lo zinco, il ferro, il magnesio, il calcio e la vitamina B6 che lo rendono la terapia perfetta per chi ha un cuoio capelluto irritato a causa della calvizie. Altri vantaggi di questo prodotto così efficace e decisivo per il tuo benessere sono che non ha alcuna controindicazione, viene prodotto in varianti diverse per uomo e per donna e rende un processo spesso faticoso un vero e proprio cammino piacevole verso il proprio benessere.

Togli l'infiammazione con l'omeopatia

Togli l’infiammazione con l’omeopatia

 

Spesso legata a sforzi prolungati e quindi a traumi, l’infiammazione muscolare è un disturbo fastidioso e duraturo che non lascia scapo nemmeno agli sportivi più esperti; anzi, sono proprio loro che ci devono convivere in modo continuo e ripetuto, cercando delle soluzioni efficaci ma anche non troppo dannose per la salute.

Innanzitutto, è utile sapere che l’infiammazione è un meccanismo di difesa che il nostro corpo attiva quando una della sue parti è stata lesionata e lo fa per riparare in fretta, per proteggere il tessuto che porta il peso del trauma; quello che sentiamo noi mentre tutto questo processo è in corso è sicuramente un forte dolore e un calore intenso, ci accorgiamo inoltre che la mobilità è ridotta e che la zona è gonfia. Questi sono tutti i sintomi presenti quando c’è in atto un’infiammazione, in qualunque parte del corpo sia; vediamo allora come risolverla.

L’omeopatia come rimedio contro l’infiammazione

Esistono moltissime cure efficaci per curare e contrastare l’infiammazione e una molto interessante e completa è sicuramente quella omeopatica; capiamo dunque quali sostanze omeopatiche ci fanno meglio e non devono mai mancare nella nostra cura.

Ci sono due rimedi omeopatici ben definiti da assumere in due circostanze opposte: se il dolore aumenta con il movimento e si ha sollievo solo stando fermi, bisognerà assumere Bryonia, che aiuta a ridurre il gonfiore e i dolore; se invece il dolore migliora quando ci si muove, è meglio prendere dei granuli di Rhus toxicodendron, molto efficace quando sono in corso dolori legati ai primi sintomi dell’artrosi. C’è poi la Phytolacca, che giova direttamente alla salute dei tessuti sulle fasce muscolari e il Rhododendron per diminuire il gonfiori delle articolazioni e i dolori articolari più fastidiosi. Rivolgiti ad un esperto omeopata per avere il consiglio finale e inizia la tua cura contro le infiammazioni muscolari.

Rimedi omeopatici per il sovrappeso

Rimedi omeopatici per il sovrappeso

 

Quando si dice che è importante mangiare bene per poter condurre una vita sana, equilibrata e, in un certo senso, anche più facile ci si riferisce proprio alla necessità di evitare l’accumulo di grassi eccessivi e all’esigenza di non condurre una vita troppo sedentaria perché queste cattive abitudini sono davvero nocive e generano delle conseguenze spesso difficili da controllare.

Bisogna quindi guardarsi costantemente, valutare il nostro livello di salute e cercare di capire se ci stiamo dedicando le attenzioni necessarie; in questo modo riusciremo ad evitare problemi come il sovrappeso e l’obesità, che pur essendo così diffusi ed essendo note le ulteriori conseguenze che hanno sulla salute, quali diabete e malattie cardiovascolari, sono sempre più presenti tra la popolazione. D’altra parte però, se dovessimo rientrare nel gruppo di chi è stato coinvolto in questi tipi di disturbi per varie ragioni poco discutibili, sarebbe il caso di fare un primo passo importante verso la certezza che, seppur complesse e durature, esistono delle cure.

Curare il sovrappeso con l’omeopatia

Nel caso di disturbi di sovrappeso e obesità, non c’è cura migliore di quella omeopatica, dato che questa disciplina punta alla cura del corpo ma anche della mente e lo fa utilizzando dei granuli molto efficaci.

Per avere delle risposte mirate e vedere i risultati della terapia sul vostro corpo, rivolgetevi ad un bravo omeopata e vedrete che tra i granuli che vi consiglierà ci saranno sicuramente alcuni dei seguenti: la Calcarea carbonica vi verrà prescritta per garantirvi un migliore equilibrio intestinale attraverso un miglioramento del metabolismo, l’Antimonium crudum e l’Ignatia amara che aiutano a controllare soprattutto la fame nervosa e l’Argentum nitricum che è utilissima nel caso in cui il soggetto ricerchi in particolar modo alimenti dolci. C’è poi la Coffea cruda che aiuta a rilassarsi e ad equilibrare i propri ritmi vitali per potersi dedicare davvero alla cura del proprio corpo.

Rimedi omeopatici contro i brufoli

Rimedi omeopatici contro i brufoli

 

I motivi per cui l’aspetto della nostra pelle viene modificato dalla presenza di brufoli e foruncoli di vario tipo sono molti e diversi tra loro; infatti, può essere lo smog a stimolare le impurità cutanee, un’alimentazione non sempre corretta, accumuli di stress prolungati nel tempo, l’uso di farmaci aggressivi e con molte controindicazioni, l’utilizzo di prodotti non adeguati alla nostra pelle e, come se non bastasse, la stanchezza che ci portiamo dietro ogni giorno.

È evidente quindi che, per risolvere il problema dei brufoli, si possono assumere degli atteggiamenti nuovi e più salutari riguardanti diversi aspetti della vita e poi, se il disturbo dovesse rivelarsi troppo insistente, decidere di agire con alcuni rimedi più mirati.

I migliori rimedi omeopatici

Tra la moltitudine di cure esistenti per allontanare ed eliminare gradatamente le impurità dalla nostra pelle, una molto efficace ma forse non abbastanza conosciuta è quella omeopatica. L’efficacia di terapie di questo tipo è dovuta al fatto che sono studiate per prendersi cura di vari fattori allo stesso tempo, per migliorare sia la mente che il corpo e quindi anche la cura specifica deve essere scelta senza trascurare nessuna delle esigenze del paziente.

Per l’acne giovanile non c’è rimedio migliore di Pulsatilla, da affiancare ad una dieta il più possibile povera di grassi e dolci; per lo stesso tipo di pazienti c’è anche Phosphoricum acidum, che va diretto alla risoluzione di disturbi spesso psicologici legati alla comparsa di brufoli. Per donne più adulte, in particolare quelle in menopausa, è consigliata l’assunzione di Sepia; c’è poi Psorinum, adatto a ridurre la produzione di sebo e a curare ogni tipo di acne ed Hepar sulfur per eliminare quei brufoli che, oltre ad essere troppo grandi, fanno anche male. Tra tutti questi rimedi omeopatici c’è sicuramente quello che fa per te.

Ferma la caduta dei capelli con gli integratori omeopatici

Ferma la caduta dei capelli con gli integratori omeopatici

 

Tutti noi siamo spettatori della caduta dei capelli ogni giorno, in maggiore o minore quantità, non solo in base al periodo, ma anche in base a determinate condizioni. È utile sapere, per esempio, che anche le stagioni hanno un ruolo importante in questo fenomeno e che cadono più capelli in autunno e in primavera: se lo notate quindi non allarmatevi.

Altri fattori che influenzano e determinano l’entità della perdita dei capelli da un soggetto ad un altro sono la genetica, dato che si può essere più predisposti a perderli, il sesso, visto che gli uomini di solito perdono più capelli delle donne, le condizioni di salute, l’utilizzo di alcuni farmaci e, per finire, il modo in cui pettiniamo e laviamo la nostra chioma. E non sono solo le cause ad essere numerose, ma sono molte anche le soluzioni e i tipi di terapia a cui ci possiamo affidare.

Usa prodotti omeopatici contro la caduta dei capelli

Tra le varie terapie da tenere in considerazione per contrastare la caduta dei capelli, quella omeopatica è un’ottima opzione perché è facile, naturale e abbastanza economica. Ci sono diversi granuli da assumere, in base al disturbo specifico e in seguito ad un’attenta analisi fatta dal tuo omeopata; usa il Selenium quando oltre ai capelli perdi anche le sopracciglia e il tuo è un capello prevalentemente grasso, il Natrum muriaticum quando perdi in capelli durante l’allattamento ma anche prima del parto, il Thallium se soffri di perdita di capelli in seguito a malattie gravi che l’hanno causata o accentuata e la Calcarea carbonica se soffri anche di eczema. Tutti questi prodotti sono più efficaci se assunti un po’ prima dei pasti o qualche ora dopo, se non vengono affiancati al consumo di sostanze troppo eccitanti e se gli stessi integratori omeopatici, che possono presentarsi sotto forma di gocce o granuli, non vengono a contatto con fattori esterni che ne alterino le proprietà. Segui tutte queste indicazioni e potrai raggiungere ottimi risultati.

Rimedi omeopatici contro il mal di denti

Rimedi omeopatici contro il mal di denti

 

Al contrario di quanto crediamo spesso o forse di quanto ci conviene credere, siamo i primi responsabili della salute dei nostri denti e di molti dei disturbi che li possono colpire. Infatti, con il consumo quotidiano di cibi acidi, di bevande zuccherate e di altre sostanze poco raccomandabili, facciamo in modo che vengano sottoposti a deterioramento ed a varie sofferenze.

Per esempio, quando la dentina diventa più sottile, a causa delle sostanze acide non rimosse dalla nostra bocca, provoca dolori e sensibilità; la stessa mancanza di igiene orale provoca invece la formazione di accumuli di tartaro e placca che rendono immediata la proliferazione di batteri e così via. Allora cerchiamo di avere alcuni accorgimenti per contrastare almeno un po’ questi disturbi e vediamo un metodo davvero efficace e naturale per curare il mal di denti.

Come risolvere il mal di denti con l’omeopatia

Qualsiasi siano le cause del tuo mal di denti e i dolori che senti, puoi affidarti ad alcuni rimedi omeopatici di grande efficacia, proprio perché hanno l’obiettivo di risolvere i disturbi partendo dalla base. Usa Mercurius solubilis quando noti che la lingua è ricoperta da una patina non comune, quando c’è molta saliva e quando l’alito e il gusto non sono piacevoli; assumi Chamomilla quando il dolore aumenta con il consumo di bevande calde e sono le gengive ad essere infiammate, mentre più adatta è Belladonna quando il gonfiore coinvolge la lingua.

Inoltre, quando il dolore è causato da un’estrazione, il rimedio migliore è Arnica, da unire con Phosphorus ogni volta che al dolore si aggiunge anche il sanguinamento della parte infiammata. Infine ci sono Aconitum e Arsenicum, usati in due situazioni diverse; il primo quando il dolore è peggiorato dall’esposizione al freddo e il secondo quando si tratta di un dolore prevalentemente notturno, quindi legato anche a fattori psicologici come l’agitazione e l’ansia.

dessert tradizionali in Italia

Torte e dessert tradizionali in Italia

La cucina italiana si caratterizza per un vasto repertorio di ricette, suggerimenti e creatività che l’hanno resa famosa in tutto il mondo. Per quanto riguarda i dolci, a seconda degli ingredienti utilizzati e dei gusti delle singole persone, paste, pasticcini, torte, mousse e dessert sono in grado di deliziare le vostre papille gustative e andare in contro alle esigenze degli stomaci più affamati. Recatevi in una pasticceria italiana insieme alla vostra signora da Italia e provate qualche bel babà o qualche gustoso cannolo… non potrete davvero dire no all’essenza del gusto!

Posti dove assaggiare dessert tradizionali

Partendo dal sud Italia, non potete perdervi la famosa pastiera napoletana dove gli ingredienti che fanno da protagonisti sono la pasta frolla e la gustosissima ricotta. Dolce che si può assaggiare anche al ristorante, se ad esempio avete deciso di portare fuori a cena la vostra splendida ragazza. Nel caso in cui vi trovaste a Napoli, vi raccomandiamo di recarvi da Pasquale Marigliano, un locale dove di pastiere napoletane si potrebbe fare indigestione, tale è la bontà e la ricchezza.

In effetti, le vostre ragazze sono donne di mondo, versatili e interessanti che amano avvicinarsi alle tradizioni culinarie del posto in cui si trovano e cimentarsi in prima persona con la cucina locale. Appassionate di arte, cinema, sport e teatro, queste  bellissime accompagnatrici saranno più che contente di provare qualche specialità dolciaria italiana in posticini caratteristici, come ad esempio lo può essere l’Antica Dolceria Bonajuto, situata a Ragusa. Qui il cioccolato di Modica è una meraviglia per il palato e uno splendore per gli occhi.

O ancora, potreste trovare l’opportunità perfetta di visitare Firenze in compagnia della vostra ragazza Italia e assaggiare una fetta della famosa Torta  Pistocchi, preparata nella zona di Ponte di Mezzo. Le vostre ragazze sono accompagnatrici attente e curiose alla realtà enogastronomica locale e vorranno scoprire in dettaglio qual è la magia che avvolge questo dolce italiano così illustre e speciale, magari portandone a casa qualche piccolo ricordo.

Torte dal sapore italiano

Ma la lista dei dolci in realtà non finisce qui.  Se vi trovate in territorio italiano in compagnia delle vostre ragazze, non perdete l’occasione  di visitare il Piemonte e assaggiare qualche torta condita con i famosi giandujotti, varietà di cioccolato famosa in tutta la regione. Anche la combinazione di brioche e gelato artigianale ha il suo perché, ed è d’obbligo assaggiarla almeno una volta prima di lasciare definitivamente il nostro Paese. Meglio ancora durante la stagione estiva, per contrastare il caldo con un dolce leggero e saporito.

Ultimi ma non meno importanti, sono sicuramente altri piatti nostrani come la torta millefoglie, con la sua pasta croccante e la crema gustosa, i famosi profittevole fatti di crema e cioccolato, il tartufo  bianco e i bigné ripieni di crema pasticcera. Assaggiate queste specialità mentre vi trovate a pranzo con le vostre ragazze e terminate la serata nel migliore dei modi. Non si conosce veramente un territorio se non si ha prima assaporato tutte le sue leccornie più tipiche e caratteristiche.